Una tecnologia rivoluzionaria per il riciclaggio delle batterie

In una delle prime uscite dell’editoriale, avevamo parlato delle potenzialità di sviluppo nel processo di riciclaggio delle batterie delle auto elettriche. Nell’articolo in questione, intitolato “La sostenibilità delle batterie nelle auto elettriche”, si richiama l’importanza dei processi di riutilizzo e riciclaggio delle batterie per massimizzare i benefici ambientali ed economici connessi alla diffusione della mobilità elettrica. Oggi torniamo a parlare di questo argomento, perché in questi ultimi due mesi sono stati presentati dei progetti innovativi che possono cambiare il futuro di questa tecnologia.


In particolare, nel mese di giugno, i ricercatori delle Università di Leicester e Birmingham, hanno svelato i risultati del progetto ReLiB (“Recycling of Lithium-ion Batteries”) del Faraday Institution, svolto sotto la guida del Professor Andy Abbott dell’Università di Leicester. I ricercatori hanno sviluppato un nuovo approccio nel riciclo delle batterie agli ioni di litio, che sembra risolvere un punto cruciale: come separare i materiali di valore dagli elettrodi in modo che le componenti possano essere completamente recuperate dalla batteria a fine vita.



La tecnica ad ultrasuoni permette di separare la polvere del catodo, formata da cobalto, nichel e manganese, dal foglio di alluminio a cui è incollata. Allo stesso tempo, il processo si è dimostrato efficace anche per la rimozione della grafite (solitamente usata come polvere dell’anodo) dal relativo foglio di rame. Il Professor Abbott ha dichiarato che “la procedura è 100 volte più veloce e più pulita (green) rispetto alle tecniche convenzionali adottate nel riciclo delle batterie, oltre a consentire di ottenere una maggiore purezza dei materiali recuperati”.


In aggiunta, l’intero processo sembra faccia risparmiare circa il 60% dei costi rispetto alle tradizionali metodologie. I ricercatori affermano anche che l’uso di questa tecnologia rappresenterà una svolta radicale nel riciclaggio delle batterie dei veicoli elettrici, in quanto è probabile che i materiali riciclati potranno essere reimmessi direttamente all’interno del processo produttivo delle batterie.


I prossimi passi sono l’ottenimento del brevetto per la scoperta effettuata e, successivamente, la commercializzazione della tecnologia attraverso la creazione di partnership con produttori di batterie ed aziende focalizzate nel riciclaggio, al fine di diffondere l’innovazione su larga scala.


Al momento, il gruppo di ricerca ha testato la tecnologia sui quattro principali modelli di batterie presenti sul mercato e i risultati hanno dimostrato la stessa efficienza per tutti gli scenari. In Gran Bretagna sono certi che questa sia una scoperta rivoluzionaria, che contribuirà ad un'ulteriore accelerazione nella transizione verso la mobilità elettrica all’interno del settore dell’automotive.



Davide Uberti

Collaboratore Editoriale, ENVEL





Articolo integrale:

Abbott, A. P. et al. (2021): Lithium ion battery recycling using high-intensity ultrasonication. Green Chemistry, Issue 13, 2021 - https://doi.org/10.1039/D1GC01623G